La compensazione obiettivo sotto la lente d'ingrandimento

Share this post

La protezione delle immagini contro la luce diffusa secondo Tamron

La compensazione obiettivo sotto la lente d'ingrandimento

No, l'argomento non tratta accessori cromati luccicanti né il pagamento di fatture insolute: la compensazione obiettivo fornisce una luce migliore alle vostre fotografie.

Minore perdita verso lo scatto di una buona immagine

La compensazione obiettivo, nota anche come rivestimento anti-riflettente, è l'affinamento delle singole lenti di un obiettivo. La luce proveniente dal soggetto deve superare equamente più superfici di vetro prima di raggiungere il sensore. Si tratta di un problema fondamentale: una superficie di vetro non trattata riflette la luce: il risultato sono immagini fantasma e luce diffusa. Inoltre, la luce diffusa nell'obiettivo tende a ridurre il contrasto della foto, comportando una perdita luminosa generale. In media, il coefficiente di riflessione è di circa il 5 - 6 percento.

Questo effetto di riflessione ottica è paragonabile all'effetto acustico in una stanza vuota. Le pareti nude riflettono i suoni in modo incontrollabile. Per tale ragione, gli studi di registrazione rivestono soffitto, pareti e pavimenti con un isolamento speciale. Il concetto è simile in fotografia: alle singole lenti viene fornita compensazione.

Nella pratica, ciò significa che le lenti vengono rivestite a vapore di alogenuri di metallo leggero, creando un superficie più morbida, che riduce i riflessi.

Rivestimento singolo e multiplo

Nella produzione di obiettivi fotografici sono utilizzati svariati tipi di compensazione. La meta è sempre la stessa: minimizzare il più possibile la luce diffusa e ridurre il riflesso, senza compromettere l'elevata trasmittanza luminosa delle lenti. In generale, il rivestimento delle lenti deve essere il più liscio e sottile possibile.

La forma meno costosa di compensazione è quella semplice o a singolo strato. Il nome dice tutto: ogni superficie riceve un singolo strato di compensazione. In ogni caso, questa procedura, esistente sin dal 19° secolo, nel frattempo è stata sostituita da procedure più moderne.

Nella compensazione multipla o a più strati sono applicati più strati con indici di rifrazione diversi. Tali indici di rifrazione sono calcolati attraverso formule complesse e riducono ulteriormente la luce diffusa totale. Questa procedura è complessa e dunque costosa: per obiettivi di alta qualità ma in procinto di diventare standard.

Tamron utilizza la compensazione BBAR

Per una qualità immagine estremamente elevata, Tamron ha sviluppato la tecnologia di compensazione BBAR (broadband anti-reflection, anti riflesso a larga banda), utilizzata in tutti gli obiettivi Tamron. Non solo riduce la luce diffusa, ma garantisce anche il miglior bilanciamento colore possibile. Le lenti negli obiettivi più recenti sono dotati di compensazione BBAR ulteriormente sviluppata che fornisce una trasmissione luminosa ancora migliore per lunghezze d'onda sia lunghe sia corte.

Questa riduzione di riflessione si ottiene mediante strati estremamente sottili di fluoruro di magnesio applicati alla superficie di vetro. Tuttavia, la compensazione a singolo strato interessa solo una gamma limitata di lunghezze d'onda e non è molto efficace. Solo l'applicazione di strati con indici di rifrazione diversi dimostra una riduzione efficace della riflessione su un'ampia gamma di lunghezze d'onda.

Il diagramma seguente (Diagram 01) mostra, a titolo di esempio, questa combinazione per un vetro particolare. La riflessione è indicata a sinistra e la lunghezza d'onda della luce in basso. I riflessi diminuiscono in modo significativo nell'intera gamma di lunghezze d'onda con più strati di compensazione.

Articolo simile