Esposizione alla luce (3): L'arte dell'esposizione manuale

Share this post

L'arte dell'esposizione manuale

Esposizione alla luce

Chiedete a qualsiasi fotografo professionista quale impostazioni della fotocamera utilizza. Sorprendentemente, riceverete spesso la seguente risposta: "Io fotografo in modalità manuale". I professionisti regolano il diaframma e la velocità dell'otturatore a seconda della situazione di luce prevalentemente in modo manuale. Sembra che valga più la propria esperienza che la regolazione automatica della fotocamera.

Cosa potete imparare da questo?

Che i professionisti  spesso lavorano in modalità M a seguito dei frequenti errori di esposizione delle fotocamere. I relativi sistemi di esposizione con generazioni di modelli sono sempre più intelligenti, ma l'esposizione continuerà a essere calcolata sulla base di valori standard predefiniti. Un professionista deve quindi fornire più dello standard. Molti clienti pertanto apprezzano la sua particolare prospettiva, "il suo occhio" e la sua tecnica eccezionale. Entrambi non possono permettersi un'impostazione automatica calibrata standard.

Perché si dovrebbe fotografare anche in modalità M:

Ci sono molti motivi per non far scegliere alla fotocamera il diaframma e la velocità dell'otturatore. Quando si impostano autonomamente queste impostazioni, non solo si evitano gli errori tipici dell'esposizione, ma si regola anche la compensazione dell'esposizione necessaria quasi in un'unica volta.

La A e la O nell'esposizione manuale si basano sul valore dell'esperienza. Questo si impara gradualmente. Non vi scoraggiate se inizialmente non trovate l'impostazione corretta. Si impara da ogni errore e presto sarete in grado di valutare la luce con grande precisione a occhio nudo.

Esposizione manuale: come funziona

Regolare l'esposizione manuale sembra complicato a prima vista, ma tutti e tre i parametri di esposizione devono essere abbinati: diaframma, velocità dell'otturatore e valore ISO. Abituatevi a impostare i primi due parametri e quindi a regolare l'esposizione utilizzando il terzo parametro. La procedura si può illustrare passo per passo con due esempi pratici.
In ogni caso, è necessario impostare prima il valore ISO. Orientatevi all'incirca sui seguenti valori:

  • Luce del sole: ISO 100-125
  • Nuvoloso: ISO 200
  • Ombra: ISO 400

Esempio 1: Fotografia di un paesaggio. Per rappresentare l'ambiente da davanti a dietro, serve molta profondità di campo, che si può ottenere con una piccola apertura del diaframma. Nella prima fase, selezionare il diaframma, per esempio f/11. Quindi regolare la velocità dell'otturatore fino a quando il marchio si trova nel mezzo sulla scala di esposizione nel mirino. Assicurarsi che il valore temporale corrisponda all'inverso della lunghezza focale della piccola immagine, ossia 1/60 sec a 50mm, 1/250 sec a 200mm ecc. Se il tempo è maggiore, aumentare la sensibilità ISO o fotografare con un treppiede.

Esempio 2: Fotografia sportiva. Per catturare i movimenti veloci degli atleti, è necessaria una velocità dell'otturatore il più possibile elevata, per esempio 1/500 sec. Inoltre, consente di evitare le vibrazioni della fotocamera che si verificano più frequentemente con fotografie con teleobiettivo. Nella seconda fase, regolare il diaframma fino a quando il segno sulla scala di esposizione si trova nuovamente al centro. Se la fotocamera mostra una sottoesposizione, anche se il diaframma è completamente aperto, aumentare il valore ISO. Nella fotografia sportiva, una sensibilità di ISO 1250 o 1600 non è rara.

Consiglio in più: Se l'immagine è troppo scura o troppo chiara, è possibile correggere facilmente l'esposizione in modalità manuale, aumentando o diminuendo l'ultimo valore impostato. Sulla scala dell'esposizione appare una leggera sovra o sottoesposizione corrispondente al valore di compensazione dell'esposizione.

La teoria è una cosa, solo la pratica rende perfetti. Cercate di fotografare quanto più possibile in modalità manuale. Per fare pratica sono ideali le situazioni in cui si dispone del tempo sufficiente per un ambiente (paesaggio, architettura) o in cui la luce rimane quasi immutata (campo sportivo, ritratto).

Vi auguriamo buon divertimento mentre sperimentate con il diaframma e la velocità dell'otturatore. Con un po' di pazienza e perseveranza sarete presto in grado di regolare l'esposizione come i professionisti.

Articolo simile